Cerridwen

Riflettiamo insieme sulle Divinità  e sul loro culto

Moderatore: CONGREGA

Kerridwen
Civites
Civites
Messaggi: 70
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Cerridwen

Messaggioda Kerridwen » 01/02/2007, 10:19

un piccolo posticino lo rubo anche io per una Dea a cui sono molto legata ^_^ spero troviate il post interessante!!

la Dea Ceridwen, Dea Madre della tradizione Gallese. Rappresenta una delle più antiche divinit? del mondo celtico ed ? conosciuta come Dea del grano, della natura, delle erbe, della magia e dell?ispirazione sacra.
Altre varianti del suo nome sono CARIDWEN, KERIDWEN, KYRRIDWEEN, CERRIDWEN.. ma il suo nome, comunque, deriva dalla radice KER (porta o citt?) e DOUE (Dio) quindi rappresenta la porta verso Dio.

Alcune tradizioni magiche la identificano come la Madre saggia, la druida, la strega associata al volto calante della luna, mentre altre tradizioni vedano nella sua figura tutte e tre le manifestazioni lunari delle divinit? femminili: fanciulla, madre e anziana.

Il suo mito la vede legata ai cicli continui della morte e della rinascita, necessari per ottenere la sapienza e la conoscenza. Il suo strumento, il calderone, diviene il ricettacolo del suo potere di donare saggezza e ispirazione a coloro che la invocano e bevono dal suo calderone, che essendo connesso con i quattro elementi della creazione (Terra, Aria, Fuoco e Acqua) diviene simbolo di rinascita, spiritualit? e abbondanza.
E? perci? la Dea dei bardi, che attraverso le loro canzoni, la onoravano e da cui ne traevano ispirazione per le loro composizioni, non a caso era definita anche ?l?iniziatrice dei poeti?. In galles la parola bardo ? Cerddorion (figli di Cerridwen).

A volte Ceridween ? denominata, come la Dea Celtica Danu, "Anna" o "Annys" la strega e regina dei morti. E' inoltre la sacerdotessa primordiale, chiamata la "anna nera dei misteri proibiti".
Alla Dea sono consacrati il Cinghiale, simbolo di forza ma anche di amore e la scrofa bianca, da sempre consacrato al culto della Dea Madre e simbolo di fertilit?, buona fortuna e prosperit?.
Il suo albero ? la Betulla, albero legato alla luna, alla rinascita e alla saggezza. Porta con se un falcetto, strumento legato alla luna e simbolo del raccolto (morte e rinascita). La festa in suo onore ? festeggiata il 3 luglio.
Chiamiamo a noi la Dea ogni volta che ci apprestiamo ad un cambiamento importante nella nostra vita, affinch? la sua saggezza ci guidi e ci doni il coraggio di osare e andare avanti sul nostro sentiero. Oppure al contrario, quando ci sentiamo ristagnare, bloccarti da eventi, pensieri negativi che non ci permettano di evolverci. In ogni caso, la Dea Ceridwen, pu? rappresentare la nostra guida nell'incertezza della vita.

elfobianco)O(
Magus Herbae
Magus Herbae
Messaggi: 731
Iscritto il: 15/01/2007, 18:57

Messaggioda elfobianco)O( » 01/02/2007, 10:20

Grandioso simbolismo, davvero bella e mistica questa dea...

A volte Ceridween ? denominata, come la Dea Celtica Danu, "Anna" o "Annys" la strega e regina dei morti. E' inoltre la sacerdotessa primordiale, chiamata la "anna nera dei misteri proibiti".

mi domandavo se anche il nome anya venga da essa...
e come ben notiamo anche nella cultura cristiana sant'anna ? una capostipite della chiesa madre di maria anziana...

Elfo)O(

Kerridwen
Civites
Civites
Messaggi: 70
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Kerridwen » 01/02/2007, 10:21

hai ragione Elfo, molti Dei sono stati assimilati dalla religione cattolica.
Lo hanno fatto anche con la Dea Brighit, tramutandola in Santa Brigida. Cosa strana le suore votate a santa Brigida vegliavano una fiamma che no doveva mai estinguersi. Nel culto di Brighit, la dea del focolare domestico, le sacerdotesse facevano la stessa cosa!!

Kerry

Berkana
Magus Herbae
Magus Herbae
Messaggi: 862
Iscritto il: 16/01/2007, 15:11

Messaggioda Berkana » 04/02/2007, 2:56

Cosa strana le suore votate a santa Brigida vegliavano una fiamma che no doveva mai estinguersi. Nel culto di Brighit, la dea del focolare domestico, le sacerdotesse facevano la stessa cosa!!

Sempre caso strano le stesse Vestali Romane avevano la stessa funzione, sorvegliare il fuoco sacri dedicato a Vesta, la dea del focolare.

Berk

MagOscuro
Civites
Civites
Messaggi: 43
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda MagOscuro » 04/02/2007, 2:57

B?al, la Dea una e triplice..., Kerridwen, Birgit...Apprezzatissimo te l'assicuro... :wub:
Io le son sempre stato devoto e non lo sapevo ghghghhgg finch? non lessi dei Druidi...ghghghg.
Buon Tutto...:D

Apophis
Civites Exsilium
Civites Exsilium
Messaggi: 307
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Apophis » 10/02/2008, 21:43

Ceridwen non è a mio parere assimilabile con Dana, Danu...
secondo me non c'entra nulla perchè Ceridwen è intendibile anche come triplice abbiamo detto, Dana no.
Ci sono le tre dee irlandesi Fodla, Eriu... ma non sono assimilabili a Dana in quanto esse rappresentano la terra, sono materiali, Dana è il popolo, la tribù...
E' interessante vedere ceridwen come germe della trasformazione pura, come signora delle fattucchiere e degli incantesimi...era importante in un culto come quello druidico. pensate che non erano stregoni abra cadabra! erano prima di tutto filosofi, poi maghi, una Dea che dava il dono dello strumento magico era fondamentale anche per la costituzione dopo degli ordini di streghe^^

Io la chiamo "Signora dei manichini, dei burattini"

Vi benedica sempre il suo mutamento,

Apo

Gufo
Civites Exsilium
Civites Exsilium
Messaggi: 207
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

già

Messaggioda Gufo » 10/02/2008, 23:40

Ma signora dei manichini intesa come signora dei simulacri, bamboline, DAGIDE, che ella crea e ricrea e ridisfa come metafora di quello che è e di ciò che è in grado di instillare ai suoi seguaci?
Bella cmq...mi è sempre stata simpatica e lo sai...
un canto triplice per voi
Gufo

Apophis
Civites Exsilium
Civites Exsilium
Messaggi: 307
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Apophis » 11/02/2008, 19:16

Si, anche delle DAGIDE, e dei fantocci materiali, ma è più intesa come Signora del manichino neutro, del LAYOUT diremo noi oggi, della forma base, senza optional come "carattere". "bellezza", "capacità  innate"...
Come manichino primigenio della creazione, sul quale poi gli Dei riversano le caratteristiche di una particolare anima. Dopo che l'anima entra nel manichino, o che Ceridwen immerge il manichino nel suo calderone, allora il fantoccio prende forma particolare e irripetibile, come ognuno di noi.
Poi il fantoccio simboleggia ANCHE il suo dominio sui Golem e gli Egregori, ma essendo i druidi filosofi, cosa che spesso anche io dimentico^^, si concentravano sul significato un pò più profondo...

Apo


Torna a “Il Pantheon”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite