empatia, io sento ciò che tu senti

Discussioni generalo ed off topic

Moderatore: CONGREGA

Ghaladh
Civites Excelsus
Civites Excelsus
Messaggi: 283
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Ghaladh » 13/02/2007, 17:28

Cio? non hai capito neanche una frase, ok, tanto perchè non CI va di far polemica ci riprovo:

Ed intanto la polemica la stai facendo. Io non avevo capito davvero, nel senso letterale del termine. Ti sei espressa dando per sottinteso cose che hai spiegato solo ora. IO non le conoscevo, in quanto la maggior parte di queste cose sono solo tue interpretazioni personali.
Gli individui che non possiedono capacit? empatiche, sono classificabili in max 2 categorie, in generale si tratta di persone con gravi disturbi psichici, definiti devianti ( se vuoi scendo in dettagli ancora più tecnici, ma che esulano veramente dal topic).
Se ancora non mi sono spiegata : i serial killer rientrano in questa categoria.

Una persona che non avverte le emozioni altrui automaticamente diventa un malato di mente? Mi pare un'affermazione un po' estrema.

"che ce le abbiano avute i "santi" ? un altro discorso."
Qui parlavo di virt? come la com-passione (patire cum) e la piet? (la pietas), caratteristiche prettamente umane che trovano i santi o gente illuminata come massima espressione.

Ora comprendo... anche qui avevi dato per sottinteso il soggetto della tua affermazione.
[quote[
"per quanto vi sembra triste sentirvelo dire, i sentimenti e le emozioni esulano largamente da un percorso che vede implicato lo spirito, anche se i più possono essere sensibili o molto emotivi."
Hai capito bene: il fatto che una persona che abbia intrapreso un percorso spirituale di qualunque tipo, possa essere o meno emotiva o sensibile, non influisce affatto sul percorso intrapreso dal suo spirito stesso.
Emozioni e sentimenti sono prodotti della natura umana non dello spirito, triste, forse, ma ha il suo perchè.
[/quote]
Al contrario: credo dipenda dal tipo di percorso intrapreso. Una persona non emotiva e non sensibile potrebbe forse abbracciare alcune forme di Buddhismo, poichè prevedono un'astrazione dai sentimenti e dalle emozioni, ma altri sono invece fortemente legati all'emotivit? e la sfruttano appieno.... certo, uno pu? anche decidere di fare boxe, pure essendo monco degli arti superiori...

Se si parte dal presupposto che l'empatia ? un "dono" o una specie di potere extrasensoriale, finiamo col vedere santi illuminati e mistici ovunque, anche laddove non ci sono, credi forse che i capi di stato o i soldati che vanno in guerra non ce l'abbiano? Beh, io no.

Ora che ho compreso ti do pienamente ragione. Il "dono" non ? l'empatia in s?, secondo me, ma ? il fatto di esserne coscienti e di saperla gestire a proprio vantaggio.

In tutto questo ribadisco quello che ho detto all'inizio di questo topic e cio? che non sono mie opinioni, ma concetti che hanno una storia scientifica più lunga di cento anni.

Ogni cosa ? opinabile, fino a prova contraria ed inconfutabile: per migliaia di anni si ? creduto che la terra fosse piatta.

Ovviamente ognuno ? libero di esprimersi come e quanto vuole, come del resto ognuno ? libero di saltare post infiniti come e quanto vuole.

Mi porr? il problema quando verrà pagato per scrivere cose che attraggano l'attenzione dei più.

Ora che penso al fatto che qualcuno non abbia avuto voglia di leggere il mio post chilometrico (che nemmeno ? fra i più lunghi che abbia visto nel forum) mi sovviene un'immensa voglia di morire... credo che domani m'immoler? in piazza Duomo. Addio mondo crudele. :-D

Felce
ARTEFICES elemento FUOCO
ARTEFICES elemento FUOCO
Messaggi: 607
Iscritto il: 19/01/2007, 20:58

Messaggioda Felce » 13/02/2007, 17:29

No non ti immolare l? mi sporchi il mattonato^^..
Comunque siete stati chiari entrambi,avevo una nozione blanda del termine empatia...spero di ricordarmi tutte queste cose...
Ogni cosa ? opinabile, fino a prova contraria ed inconfutabile: per migliaia di anni si ? creduto che la terra fosse piatta.

Migliaia...centinaia all'incirca...
Comunque io ho sempre visto l'empatia,forse nella mia ignoranza alla stregua dell'istinto cio? qualit? più o meno innate in ognuno di noi...
grassie delle delucidazioni

Espulso005
Civites Fidelis
Civites Fidelis
Messaggi: 142
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Espulso005 » 13/02/2007, 17:30

Vabene, io parlavo per te, ma ? evidente che noi non siamo tanto sullo stesso binario...

Tornando al discorso: una cosa sono i punti di vista, una cosa le ricerche e gli studi.

Se poi per ogni cosa ci mettiamo a dire che si pensava che l'atomo non si poteva scindere, o il sole ruotava attorno alla terra, allora stiamo freschi!

E se mi andava di far polemica evitavo di chiarire il mio punto di vista e avrei usato le parole di conseguenza.

Abbiamo trovato dei punti di accordo, posto in seguito, qui chiudo dicendoti che tutt'al più le teorie scientifiche sono confutabili e non inconfutabili :)

follettinakiara
Civites Aurum
Civites Aurum
Messaggi: 369
Iscritto il: 20/01/2007, 19:57

Messaggioda follettinakiara » 13/02/2007, 17:30

Gli individui che non possiedono capacit? empatiche, sono classificabili in max 2 categorie, in generale si tratta di persone con gravi disturbi psichici, definiti devianti ( se vuoi scendo in dettagli ancora più tecnici, ma che esulano veramente dal topic).
Se ancora non mi sono spiegata : i serial killer rientrano in questa categoria.

Concordo, non dimentichiamoci i depressi!
Comunque l'Empatia ? campo della Psicologia che al momento non la considera Trascendente... un potere in meno per il Trio! ^^

Angelus Deorum

Avatar utente
Chamo
CERIMONIERE
CERIMONIERE
Messaggi: 726
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Chamo » 13/02/2007, 17:31

Mi associo a prox, anche se credo che si stia scendendo verso particolari dettagli che forse non meritano di essere trattati in questa sede, non per la scarsa importanza, ma per l'esatto contrario.
Trattandosi di problemi legati a disturbi psichici piuttosto gravi ( serial killer ) dove addirittura si arriva alla spersonalizzazione del soggetto, credo sia meglio per noi tutti attenerci a quelle spiegazioni che possano essere ben recepite da tutti, anche da chi non ha conoscenze in ambito psichiatrico, e potrebbe facilmente male interpretare le parole lette.
Credo che rifacendoci al discorso di base sul quale si ? trattato dell'empatia, i punti più salienti siano stati toccati e chiariti sufficentemente; giustamente, gli aspetti dell'empatia che si legano a patologie o disturbi di tipo psichico, andrebbero trattati in altra sede e da un punto di vista prettamente scientifico, più che daquello personale ed istintivo.




chamo
Chamo
...no juegues con la oscuridad si quieres salir victorioso.....

Ghaladh
Civites Excelsus
Civites Excelsus
Messaggi: 283
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Ghaladh » 13/02/2007, 17:32

Se fosse possbilile mi piacerebbe leggere qualcosa riguardo le malattie e di disturbi mentali causati dall'assenza di empatia.
Avete libri, o link da consigliare (a meno che qualche anima volenterosa si senta in vena di scrivere tutto :-) ).
Non riesco a comprendere come la mancanza d'empatia possa portare a disturbi tanto gravi; pensandoci immagino che una persona possa arivare ad avere disagi sociali nelle relazioni, ma arrivare ai casi più gravi ce ne passa... vorrei conoscere un po' meglio questo aspetto.

Prox: avevo sbagliato a scrivere... ho espresso il concetto opposto a quello che avevo in mente... :-D Deve essere l'et? che avanza :P

Espulso005
Civites Fidelis
Civites Fidelis
Messaggi: 142
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Espulso005 » 13/02/2007, 17:35

Avete libri, o link da consigliare (a meno che qualche anima volenterosa si senta in vena di scrivere tutto :-) ).

te li passo in pvt e tanti auguri :D

Ghaladh, si: immagina una persona che non riesce a mettersi nei panni di un'altro: non avr? neanche la possibilit? di innamorarsi.
O meglio:all'apparenza avr? sicuramente delle relazioni sociali o affettive, ma scavando un p? più in profondit?, si tratta di persone che in realt? hanno solo manipolato gli altri per questioni di "egoismo" (ma non ? il termine migliore).

Tieni conto che l'empatia, in un individuo sano trova la massima espressione nell'innamoramento.
Qui ancora siamo abbastanza "in superfice".

ehehe avevo capito....;)


Torna a “Platea Urbis”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite