Il grande ratzinger XD

Discussioni generalo ed off topic

Moderatore: CONGREGA

uiscecat
Civites
Civites
Messaggi: 22
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda uiscecat » 08/03/2008, 16:28

Hermete ha scritto:Secondo me, ricordare quanto è stato della storia dell'uomo può far sì che non ricada in certi errori... ma alla fine l'evoluzione è inevitabile, di riffa il comportamento adottato ieri non sarà  il medesimo di oggi, ma sarà  un adattamento ai tempi che corrono.


Evoluzione dunque comporta solo un riarrangiamento?
Evolversi significa passare da una forma inferiore a una forma più perfetta.
Quindi il chiamare le cose con altri nomi non è evoluzione ma ipocrisia.
Hermete, se ti va, mi spieghi meglio cosa intendi?
E come lo inserisci nel contesto di un genocidio istituzionalizzato?
Grazie :wink:

Apophis
Civites Exsilium
Civites Exsilium
Messaggi: 307
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Apophis » 08/03/2008, 16:41

Stiamo virando sul tema credo...non esistono credo forme inferiori o perfette.
Ogni forma ha una sua funzione, ed è adatta o meno al tempo.
Studio medicina alla Sapienza, mi hanno insegnato che le mutazione in Natura sono vantaggiose o meno, è vero, ma solo in relazione all'ambiente.
Un braccio in più nella nostra società  sarebbe svantaggioso per i rappori interpersonali, ma magari nella giungle ti aiuterebbe a sopravvivere. L'evoluzione della religione è in parallelo con la mentalità  dell'uomo.
Il termine che penso possa mettere in accordo le teorie di Uiscecat e Hermete è:
TRASFORMAZIONE.
nè miglioramento nè peggioramento, si tratta di funzionalità . Nella cultura celtica se un uomo aveva una deformazione fisica non poteva diventare re. Questo non perchè fosse brutto o sgradevole da vedere, ma perchè semplicemente non poteva rappresentare l'ideale richiesto. Così gli storpi non andavano in guerra, non avrebbero avuto utilità , non perchè erano brutti da vedere.

Uiscecat non penso sia riarrangiamento, quanto trasformazione, che poi nell'ambiente e nella cultura in cui si inserisce diventa vantaggiosa o svantaggiosa. per cui si parla di evoluzione o involuzione.

Almeno è il mio parere.^^

Apo

uiscecat
Civites
Civites
Messaggi: 22
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda uiscecat » 08/03/2008, 17:24

Ottimo spunto di riflessione, Apo, grazie!
In effetti considerando la cosa nel contesto celtico non fa una piega.
Non c'è nulla da fare, Astronave Madre chiama.... :D
Immagine

Hermete
ARTEFICES elemento ARIA
ARTEFICES elemento ARIA
Messaggi: 1006
Iscritto il: 16/01/2007, 15:11

Messaggioda Hermete » 09/03/2008, 2:10

Evoluzione dunque comporta solo un riarrangiamento?
Evolversi significa passare da una forma inferiore a una forma più perfetta.
Quindi il chiamare le cose con altri nomi non è evoluzione ma ipocrisia.
Hermete, se ti va, mi spieghi meglio cosa intendi?
E come lo inserisci nel contesto di un genocidio istituzionalizzato?


Qua entriamo nel pieno delle consiederazioni personali ed anticipo le mie scuse perchè senza una spiegazione iniziale non possono avere fatto comprendere al meglio quanto vorrei espimere!

Per me evolversi non può significare passare da una forma più perfetta in quanto ciò significherebbe elevare se stessi al di sopra delgi altri, quindi elavare il proprio IO... ma significa completarsi.

Una persona che si completa è una persona che comprende le molteplici sfaccettature che la circondoano e quindi la compongono, se è capace di fare una cosa deve essere anche capace di non saperla fare e viceversa, ovvero se non sa far un qualcosa deve arrivare anche al saperla fare e ciò mediante una scala che equivale al comprendere le capacità  che ci vogliono per arrivare a fare quel qualcosa.

Chiamare le cose con un altro nome non è proprio ipocrisia, non sempre almeno, ma equivale al ricercare delle sfaccettature alle cose in modo da poter meglio collocare un atteggiamento in un dato contesto, senza dover di per forza generalizzare ogni minima azione e ragrupparla in un qualocsa di già  conosciuto.

Il genocidio istituizionalizzato è un qualcosa avvenuto secoli fa... io come uomo lo prendo in considerazione in quanto devo sapere cosa è stato della mia storia in modo che possa imparare sul mio passato, poi sarò a io a decidere cosa fare, se volerlo "continuare" o meno, ad ogni modo sarò consapevole a cosa ha portato, poi secondo la mia intelligenza ed intimo sentire agirò come meglio credo.

Concordo con quanto detto da Apophis, anche se non sono d'accordo con il termine involuzione in quanto non credo l'uomo possa involvere, ma ripeto può solo completarsi... se sapeva fare una cosa deve imparare anche a non saperla fare!


Heremte

Apophis
Civites Exsilium
Civites Exsilium
Messaggi: 307
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Apophis » 09/03/2008, 12:41

E' vero Hermete in effetti più di involuzione avrei dovuto parlare di RIPETIZIONE.
Corsi e ricorsi storici, le sirali del tempo che si snodano contemporaneamente fra passato presente e futuro.

Gli uomini morti diventeranno altri uomini, mai pianta o minerale.

C'è una trasformazione, di solito sempre tesa verso l'avanzamento. Poi si aprirebbe il discorso karmico che non finirebbe più ^^

Dana vi benedica,

Apo

Mekare
Civites
Civites
Messaggi: 28
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Mekare » 15/03/2008, 9:20

E vabè Darkness, ma mica sono volgarità ...questo Papa ha qualche cosa di effettivamente ridicolo, a prescindere da quello che è il suo Compito per i fedeli...non si tratta di questo.cmq cosa sarebbe la vita senza senso dell'humor?? e te lo dice una persona che è assolutamente autoironica.. ;)

Liam
Civites
Civites
Messaggi: 85
Iscritto il: 01/01/1970, 2:00

Messaggioda Liam » 23/09/2008, 18:45

a livello satirico è davvero carina XD...mi associo a chi sostiene il rispetto per le religioni altrui.. ma d'altro canto è una canzone azzeccatissima xdxd


Torna a “Platea Urbis”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti